Adelmo
560
product-template-default,single,single-product,postid-788,theme-bridge_new,bridge-core-2.2.3,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive
 

Shop

Adelmo

23,00

Adelmo, nome del nonno di Claudio, è un vino che rappresenta al suo interno buona parte della viticoltura romagnola: Sangiovese, l’autentica colonna portante del vino “rosso” romagnolo, il Burson (o uva Longanesi), vitigno che da pochi decenni si sta diffondendo nelle cantine romagnoli, uva che da vini di grande corpo, struttura, grado alcolico e ricchi di tannino, difficile da domare ma molto affascinante, ed infine il Centesimino, ricco di aromaticità e dotato anch’esso di buona struttura. Vino a fermentazione spontanea con zero solfiti aggiunti. Un vino che rappresenta non solo la viticoltura ma anche l’indole romagnola: generosa e difficile da domare.

15%

Più bello di bere i vini di Rita e Claudio c’è solo berli con Rita e Claudio, se poi accompagnato dai cappelletti o dalla piadina della signora Giovanna raggiungiamo vette di piacere estremo. Solida realtà delle colline faentine nella zona di San Biagio, attenzione alla campagna e alla cantina con fermentazioni spontanee che la fanno da padrone, recupero di vecchi vitigni autoctoni, vini “puliti” affiancati da sperimentazioni funky che ne fanno una cantina poliedrica e di sicura piacevolezza.