LEVANTE 90 2019
560
product-template-default,single,single-product,postid-921,theme-bridge_new,bridge-core-2.2.3,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive
 

Shop

LEVANTE 90 2019

13,50

Produttore: Podere Cipolla

Territorio: Emilia Romagna

“Levante 90” è ottenuto dalla vinificazione di Malvasia aromatica di Candia e Spergola assemblate alle uve provenienti da un piccolo vigneto nel quale sono presenti svariate varietà antiche a bacca bianca. Macerazione di una notte e pressatura soffice, ci portano ad ottenere un vino molto originale dal colore paglierino brillante, con note olfattive che ricordano gli agrumi, il miele, la salvia e lavanda per sfumare in aromi di frutta secca che ritroveremo anche al gusto con una buona nota mandorlata, aiutata dalla freschezza e dalla bollicina fine.

Alc. 11%

L’azienda agricola “Podere Cipolla” si trova a Coviolo, all’interno del nuovo Parco del Modolena, a Sud dell’antica Via Emilia e alle porte della città di Reggio Emilia, quindi nel cuore di una delle zone enogastronomiche più famose al mondo. Tutto intorno al Podere dalla “bassa” emiliana alle valli dell’Enza e del Secchia e’ un susseguirsi di Aziende agricole, caseifici, latterie, salumifici, ristoranti ed agriturismi che hanno reso celebre questo territorio in tutto il mondo. E’ un piccolo-grande mondo segnato dal passaggio del “Grande Fiume” di Tonino Guareschi, particolarmente “frizzante” con i suoi lambruschi, il Parmigiano Reggiano, i salumi, l’Aceto balsamico ma anche ricco di attrattive naturalistiche e culturali. Un luogo dove rimane facile farsi prendere per la gola. La prima vendemmia per l’azienda agricola Podere Cipolla è stata quella del 2007, ma il vino lo si era iniziato a pensare nel 2003, quando il vigneto è stato impiantato. L’obbiettivo era ed è produrre uve perfette sia a livello sanitario che qualitativo, cosa possibile solo se si parte da una cura attenta e “maniacale” del vigneto, il tutto nel pieno rispetto dell’ambiente e della biodiversità.