U Orange
560
product-template-default,single,single-product,postid-760,theme-bridge_new,bridge-core-2.2.3,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-theme-ver-21.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive
 

Shop

U Orange

9,00

“Beh che dire, come si fa a non amare una figlia: terza nata in casa Lortica, che affianca la Mascarella 28 e Mascarella Bassa. Birra nata per celebrare i 10 anni de Lortica, l’idea alla base è semplice ed è stata quella di unire due nostre grandi passioni: le uve del collo/brda e tutto il filone dei macerati e le birre sour.
A quel punto è stato immediato pensare a degli amici per realizzare questo progetto: i regaz di Ca’ del Brado, che li conosciamo da quando erano alti così, e i mitici Janko e Tamara di Kmetija Štekar: casualmente oltre che amici sono entrambi dannatamente bravi. Il mosto di birra è stato sottoposto ad un ambiente fermentativo spontaneo proveniente dagli acini appena colti in vendemmia (Tokaj – 20%), oltre ad un inoculo di brettanomyces Bruxellensis, per poi affinare per 6 mesi in botte con le bucce in macerazione.

Ne risulta una grape ale dorata – dai toni aranciati e lievi riflessi grigi -, con note floreali e di frutta gialla, connotata da un’anima minerale fresca e da un accenno di tannino.
L’anima del Tocai risulta riconoscibile nel bicchiere e si compenetra elegantemente con la struttura e l’acidità della birra, arricchendone il bouquet aromatico-gustativo.
La bevuta è inoltre caratterizzata da sfumature funky (cantina, pungenza da erborinato) e da una certa complessità conferita dal legno.

alc 7,10%

L’azienda

Ritroverete nelle nostre descrizioni spesso richiami all’amicizia che ci lega con vignaioli e birrai, ma in questo questi ragazzi li abbiamo davvero visti crescere. Inizialmente affolando il nostro bancone, poi come membri di un’associazione di home brewer bolognese ed infine seguendo passo dopo passo, vagito dopo vagito, la nascita di questa cantina brassicola. Cantina brassicola appunto, un progetto pionieristico e al momento unico nel panorama nazionale, che mischia la voglia di sperimentare su più fronti: spostare l’attenzione sulle fermentazioni, spontanee ovviamente, focalizzando l’attenzione sui lieviti e non accontentandosi di dire Brett ma quale Brett. A tutto questo si aggiungono sortite nel mondo della frutta, dell’uva di vignaioli naturali da noi segnalati e messi in contatto e spezie varie. Beh che dire: lunga e lenta vita ai bradi.